Tipicità festival, presentata la 32ª edizione alla Bit di Milano

Tipicità festival, presentata la 32ª edizione alla Bit di Milano

Presentata a Milano nel corso della Bit, la Borsa italiana del Turismo, la 32ª edizione della manifestazione Tipicità Festival. Manca Appena un mese all’inaugurazione dell’evento che che parla di cibo, sapori e territorio.

Tipicità Festival alla Bit di Milano

Dalla BIT di Milano è partito il conto alla rovescia della 32ª edizione di Tipicità festival, l’iniziativa che dal 9 all’11 marzo porterà al Fermo Forum racconti e suggestioni dai territori, prodotti della tradizione, manualità che si fa arte e tutto quello che nell’era contemporanea si declina con il concetto di esperienza.

Alla Borsa Internazionale del Turismo di Milano è stata lanciata ufficialmente la volata verso la kermesse fermana, insieme a tanti sindaci, giornalisti e partner della manifestazione. 

Armonia di sapori e territori” è il tema dominante di questa edizione, nella quale si parlerà di Marche come terra di cibo e benessere, si assaggeranno le specialità tipiche delle identità locali, si esploreranno tutte le dimensioni dell’esperienza in un percorso espositivo nato per narrare, attraverso un coinvolgente susseguirsi di incontri ed eventi, le meraviglie del paesaggio, i tesori della manualità e dell’enogastronomia marchigiana ed italiana. Armonia ed esperienza sono le parole “chiave” di un’edizione che si pone l’obiettivo di raccontare e far vivere i nuovi significati che il termine “tipicità” assume nell’era contemporanea, dalla cucina al design, dal rapporto col territorio a quello con le nuove tecnologie.

L’edizione 2024 di Tipicità Festival

Tipicità Festival sarà allestita su diecimila metri quadrati di superficie coperta ed esplorerà tutte le dimensioni del bello e del buono, componendo un palinsesto che nel corso dei 3 giorni metterà a confronto esperienze di viaggio, racconti dalla vigna, degustazioni e show cooking, laboratori e tanti approfondimenti all’interno di cinque spazi eventi e nelle aree animazione che, come altrettante pittoresche piazzette, arricchiscono il percorso espositivo.

Tra le novità annunciate: il focus sul Giappone, la presenza di delegazioni da Francia, Germania, Ucraina e nuove aree per raccontare le Marche e il Bel Paese con modalità e formule di promozione contemporanee.

E proprio a Milano, è stato ufficializzato il patrocinio concesso dal Ministero dell’agricoltura alla manifestazione fermana, che è organizzata dal Comune di Fermo in collaborazione con Regione Marche, Camera di Commercio delle Marche ed Anci Marche. Project partner è il Banco Marchigiano, mentre partner scientifici gli Atenei di Ancona, Camerino e Macerata. Completano la nutrita squadra promotrice numerose aziende partner, le associazioni professionali e di categoria, nonché gli istituti alberghieri del territorio.
Tutte le novità su www.tipicita.it e sui profili social della manifestazione.

Tipicità Festival, le voci

Paolo Calcinaro, Sindaco di Fermo

“Tipicità Festival è divenuto uno degli eventi di massima promozione che dalla Città di Fermo, che lo organizza, si proietta nel mondo, fa leva sull’internazionalizzazione con ospiti italiani ed esteri di prestigio, a confermare come il saper fare, il bello e il buono di una regione al plurale ne rappresentino il migliore biglietto da visita. Un Festival che è diventato attrattore di bellezza e di gusto, una ribalta delle Marche, della sua cultura, del turismo e delle sue tradizioni per guardare sempre più al futuro”

Massimo Tombolini, DG Banco Marchigiano

“Il Banco Marchigiano, partner storico di Tipicità Festival, investe ancora sulla crescita delle imprese e del territorio in cui opera aderendo anche al Grand Tour delle Marche. Assieme a tutti gli stakeholders è importante fare sinergie e mettere a sistema le risorse per ottimizzare gli investimenti e creare ricchezza economica e sociale”. 

Angelo Serri, Direttore Tipicità

“In linea con il DNA che l’ha caratterizzata fin dalla sua nascita, in questa edizione Tipicità continua a percorrere nuovi sentieri aprendosi a mondi lontani e ad antiche culture, esplorando ancor più profondamente percorsi del benessere e del buon vivere, confermandosi come aggregatore di comunità vicine e lontane. Il Festival ribadisce il suo fondamentale ruolo di punto d’incontro di una moltitudine di territori e di generatore di innovative idee condivise!”.

Loris P

Blogger e informatico, da sempre appassionato di enogastronomia, viaggi, tecnologia e della sua Regione, la Basilicata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.